Provincia di Rimini
TRASPORTI

· NEWS

· CONTATTI

· ARCHIVIO

· home

 

 

AUTOSCUOLE

INSEGNANTI/ISTRUTTORI DI GUIDA
CENTRI DI CONSULENZA

NOLEGGIO AUTOBUS CON CONDUCENTE

OFFICINE DI REVISIONE

TRASPORTO PUBBLICO LOCALE

TRASPORTO MERCI
TRASPORTI ECCEZIONALI
SCUOLE NAUTICHE

 

 

TRASPORTI ECCEZIONALI

per informazioni:

Roberto Piraccini
tel 0541/716342
fax 0541/716213
r.piraccini@provincia.rimini.it
TRASPORTI ECCEZIONALI
TIPOLOGIE DI AUTORIZZAZIONE


2. AUTORIZZAZIONI PERIODICHE ANNUALI SEMPLIFICATE
c. 2a art. 13 Regolamento di esecuzione e attuazione del Codice della strada (ex periodiche semestrali)


E’ la tipologia che ha subito maggiori variazioni e pertanto si consiglia di chiedere autorizzazioni NUOVE e non rinnovare quelle già in rilasciate, anche per le migliori condizioni che prevede la nuova tipologia di autorizzazione.

Per questa categoria di veicoli e trasporti eccezionali (art. 10 del C.d.S. ed art. 13, c. 2 A del Regolamento C.d.S.), è rilasciata un’autorizzazione periodica per una durata massima di 12 mesi. E’ consentito successivamente il rinnovo dell’autorizzazione per un massimo 3 volte e comunque in modo che la somma dei periodi dei rinnovi non superi i 2 anni. La domanda per il rinnovo dell’autorizzazione deve essere presentata entro i trenta giorni antecedenti o successivi alla scadenza dell’autorizzazione da rinnovare.

Questa autorizzazione periodica (semplificata) viene consentita per effettuare trasporti eccezionali solo "fuori sagoma di merce indivisibile" (art. 61 del Codice) con il vincolo di poter utilizzare solo veicoli o complessi di veicoli non eccezionali per massa e quindi, omologati ed immatricolati entro i limiti di cui all’art. 62 del Codice nella carta di circolazione e negli allegati tecnici, se presenti.

Inoltre, questa autorizzazione può essere rilasciata anche a "veicoli qualificati eccezionali solo per dimensioni e quindi, sempre entro i limiti dell’art. 62 del Codice".

Altresì, è consentito il rilascio di questa autorizzazione periodica per il solo trasferimento a vuoto di veicoli o complessi veicolari che nella circolazione a pieno carico eccedono i limiti di cui all’articolo 62 del Codice (eccezionali per massa) qualora, si renda necessario effettuare il carico in località diversa da quella di appartenenza; per questi, è di fatto vietato il trasporto di cose, tranne per eventuali mezzi di tecnici di supporto (circolare ministeriale del 3 Luglio 2013).

Il rilascio della citata autorizzazione periodica c. 2 A), può venirsi a prevedere, in deroga ai concetti sopra enunciati, per la configurazione di "treni di veicoli" costituiti da un trattore stradale qualificato eccezionale per massa ed abbinato ad un semirimorchio legale per massa, eventualmente eccezionale per dimensioni e, formante un complesso veicolare legale per massa fino a 40 (se a quattro assi) o 44 tonnellate (se a cinque o più assi).

Unica condizione, la compatibilità degli organi di traino, con annotazione sulla carta di circolazione della "provata abbinabilità" di cui all’art. 219, c. 3, del Regolamento
. Questo caso, viene a consentirsi proprio perché il trattore stradale viene a perdere il suo "stato di eccezionalità per massa".

Questi veicoli e trasporti eccezionali oltre a non superare a pieno carico i limiti consentiti dall’art. 62 del Codice della Strada, devono rientrare entro i limiti delle combinazioni dimensionali che sono fissate, per ciascuna strada o tratto di strada, dagli enti proprietari delle stesse, in relazione alle caratteristiche del tracciato stradale e che comunque non possono essere superiori alle seguenti:

  1. altezza m. 4,30 – larghezza m. 2,55 – lunghezza m. 25,00
     

  2. altezza m.4,30 – larghezza m. 3,00 – lunghezza m. 20,00

I veicoli larghi 2,55 m possono percorrere le strade contenute nell’Ars da 6,00 e 7,00 m. senza dover utilizzare la scorta tecnica, mentre i veicoli larghi 3,00 m. possano percorrere le strade contenute nell’Ars da 6,00 m (parimenti i veicoli larghi 2,55 m.) CON L’OBBLIGO DELLA SCORTA TECNICA e quelle da 7,00 m. senza scorta.

Devono essere inoltre rispettate le seguenti condizioni:

  • si circola, con validità annuale, per un numero indefinito di viaggi, a carico e a vuoto o per soli trasferimenti a vuoto (alle condizioni inizialmente richiamate);

  • per quanto attiene le sporgenze, non è consentita quella anteriore mentre quella posteriore non può superare i 4/10 della lunghezza del veicolo con cui viene fatto il trasporto; questa lunghezza è quella totale del veicolo isolato o in caso di complessi di veicoli è quella - di norma - del solo rimorchio o semirimorchio sul quale è sistemato il carico sporgente;

  • non è prevista l’indicazione in autorizzazione nè della natura (es. ferro, cemento armato, etc.), nè della tipologia (es. macchina operatrice, travi per l’edilizia, etc.) del carico purché, siano rispettate le condizioni previste di indivisibilità delle cose da trasportarsi e tali da rendere il trasporto eccezionale per sole dimensioni; deve altresì rispettarsi anche quando prescritto al c. 9 del medesimo articolo 13 nell’eventualità di dover caricare più cose indivisibili, relativamente all’affiancamento, sovrapposizione ed accodamento delle stesse;

  • l’autorizzazione, può essere assoggettata, come tutte le altre, all’obbligo o meno della scorta tecnica secondo quanto disposto in proposito dal c. 3 dell’art. 16 del Reg. C.d.S.;

  • deve essere sempre garantito su tutto il percorso un franco minimo rispetto ai limiti di corsia, misurato su ciascun lato, di almeno 0,20 m., salvo in caso di intervento della scorta tecnica;

  • l’autorizzazione è rilasciata per un solo veicolo trattore + un rimorchio/semirimorchio; NON SONO CONSENTITI trattori di riserva mentre si possono avere fino ad un massimo di 5 rimorchi/semirimorchi di riserva. I veicoli di riserva devono rispondere ai requisiti di abbinabilità con agganciamento nei limiti legali. Le combinazioni risultanti non devono superare quella del convoglio principale. la sostituzione del veicolo autorizzato con uno di riserva (cioè rimorchio o semirimorchio) non è condizionata all’obbligo di comunicazione all’Ente che ha rilasciato l’autorizzazione.

E' ammessa la facoltà di variare le dimensioni degli elementi oggetto del trasporto o il posizionamento degli stessi, in maniera tale da variare le dimensioni del trasporto o del veicolo, nei casi ed entro i limiti ammessi dalla carta di circolazione ovvero dalla documentazione sostitutiva rilasciata dagli Uffici della Motorizzazione Civile tra i limiti superiori fissati dall'autorizzazione ed i limiti fissati dall'articolo 61 del codice.

E' consentito rientrare anche entro i limiti stessi, a condizione che sia garantito il rispetto, in qualunque condizione di carico, di tutte le altre prescrizioni di cui all'articolo 16 del Regolamento e di tutti i limiti di massa fissati dall'art. 62 del codice; in tal caso viene meno l'obbligo della scorta tecnica, qualora imposta.

Come per tutte le autorizzazioni Periodiche gli elenchi strada autorizzati si trovano sull ‘’Elenco delle strade percorribili dai veicoli e trasporti eccezionali" (ARS), di cui alla Determina n. 3537 del 20 marzo 2012 della Regione Emilia-Romagna (BUR n. 61 del 11/04/2012)’ il cui link è inserito di seguito. Per tali tipologia le voci sono ‘Limite di sagoma mt. 6,00 e limite di sagoma mt. 7,00’)
 

Nuovi elenchi strada
per veicoli e trasporti eccezionali di tipo periodico

in vigore dal 1° maggio 2012
· vai alla pagina


 

· torna indietro