L’affido vince un Premio europeo

L’impegno della Provincia di Rimini per sensibilizzare i cittadini sul tema dell’affido familiare ha avuto un riconoscimento ufficiale con la consegna del Premio “Comunicazione europea 2009”, promosso dal Lions Clubs International Distretto 108 A.

La campagna di sensibilizzazione “L’affido porta sorrisi” - promossa dalla Provincia di Rimini assessorato Politiche Sociali insieme all’Azienda Usl di Rimini e finanziata dalla regione Emilia Romagna - è infatti risultata tra le 6 migliori “best practice” selezionate tra le 80 pervenute a livello europeo.

A ritirare il Premio il 5 novembre 2009 a Milano nell’ambito del Com.Pa (Salone europeo della Comunicazione Pubblica, dei Servizi al Cittadino e alle Imprese) sono stati l’assessore provinciale alle Politiche Sociali Mario Galasso e la referente per la campagna Barbara Raffaeli.

Questa la motivazione alla base della scelta dei giudici: “Per la natura estremamente delicata e per il duplice taglio, solidaristico e civilistico, dato al tema trattato dalla campagna volta a garantire un diritto dei minori a crescere ed essere educati in un ambiente familiare che assicuri loro la qualità di vita e le relazioni affettive di cui essi hanno bisogno. Un’iniziativa capace di coniugare al meglio la solidarietà collettiva con la sensibilità individuale”.

Il Premio “Comunicazione europea 2009” nasce nel 2000 nell’ambito delle iniziative a sostegno dei principi di buon governo e di buona cittadinanza ed è oggi l’unica iniziativa in Italia che promuove un benchmarking sulle “buone pratiche” pubblico-privato a livello nazionale ed internazionale.

All’inizio del 2007 erano 95 i minori dati in affidamento familiare nella provincia di Rimini mentre 156 si trovavano presso strutture (case famiglia, centri diurni, comunità educative, comunità per donne con figli), a fine 2008 risultavano 121. Una prova tangibile di una crescente disponibilità da parte dei cittadini ad aprire la propria casa a bambini ed adolescenti in difficoltà.


le foto della consegna del Premio
 

torna alla pagina iniziale