Provincia di Rimini
LE POLITICHE SOCIALI


Politiche sociali

via D.Campana 64  47900 Rimini
tel 0541 716354 fax 0541 716295

Anziani

Provincia di Rimini - Politiche sociali - Area tematica: ANZIANI

Disabilità

Provincia di Rimini - Politiche sociali - Area tematica: SALUTE / DISABILI

Emarginazione sociale e povertà

Provincia di Rimini - Politiche sociali - Area tematica: EMARGINAZIONE SOCIALE E POVERTA'

Famiglie

Provincia di Rimini - Politiche sociali - Area tematica: FAMIGLIA

Minori

Provincia di Rimini - Politiche sociali - Area tematica: MINORI

Cooperazione e pace

Provincia di Rimini - Politiche sociali - Area tematica: COOPERAZIONE INTERNAZIONALE

Salute

Provincia di Rimini - Politiche sociali - Area tematica: SALUTE

Servizio civile

Provincia di Rimini - Politiche sociali - Area tematica: SERVIZIO CIVILE

Terzo settore

Provincia di Rimini - Politiche sociali - Area tematica: TERZO SETTORE

Piani di Zona

Provincia di Rimini - Politiche sociali - Area tematica: DISABILITA'

 

homepage

Le newS / in primo piano

IL SERVIZIO


Le informazioni


 

NEWS / in primo piano

area
anziani

16 aprile 2013
Crisi economica e disagio sociale:
l'Assessore Mario Galasso, scrive ai 25 centri sociali anziani


 

Questa mattina l’assessore ai servizi sociali della Provincia di Rimini, Mario Galasso, ha inviato una lettera ai presidenti dei 25 centri sociali anziani della provincia di Rimini, chiedendo loro, in quanto strutture fortemente radicate nel tessuto sociale, “di segnalare persone, famiglie, che versano in situazioni economiche critiche senza richiedere alcun aiuto “per dignità”, in modo che le istituzioni e i pubblici servizi possano materialmente aiutare e supportare coloro in difficoltà.

Il periodo è difficilissimo, ma poterle incontrare, farle sentire meno sole, condividere il peso delle difficoltà, cercare di orientarle e di accompagnarle ai servizi, forse non è molto ma, credetemi, sono segnali di una comunità che si rimbocca le maniche e cerca di sostenere i suoi rappresentanti più deboli e fragili”.

La richiesta nasce da una riflessione seguita al “triplice suicidio di Civitanova, avvenuto solo pochi giorni fa” e dalla consapevolezza che “oggi chi non ha il minimo per sopravvivere è in numero enormemente più grande di coloro i quali utilizzano i servizi. In una situazione come questa e nonostante le gravi difficoltà economiche in cui versano i servizi stessi, è ancora più che un dovere, ma un vero e proprio obbligo morale avvicinare le famiglie e i singoli in difficoltà”.

“I vostri centri - conclude l’assessore Galasso - coprono tutto il territorio della nostra Provincia e voi, insieme ai vostri soci, conoscete benissimo la realtà che vi circonda.

Per questo vostro radicamento, e la stima nei confronti delle vostre attività, chiedo a ciascuno di voi di aiutare le istituzioni per poter intervenire in maniera più diffusa, capillare e precisa sul territorio”
.