Provincia di Rimini
FORMAZIONE E LAVORO


 

 

LE NEWS / in primo piano

LE INFORMAZIONI

I LINK

pagina iniziale

 

 
 
 


 

IN PRIMO PIANO

3 febbraio 2011
Disabilità e lavoro:
180 avviati in Provincia di Rimini nel 2010


Nell’anno 2010 sono stati 180 gli avviati al lavoro nella provincia di Rimini appartenenti alle categorie del cosiddetto collocamento mirato, vale a dire le persone con disabilità.

Il “collocamento mirato”, sin dall’emanazione della L.68/99, è il principale strumento di inserimento lavorativo avviato dalla Provincia di Rimini per favorire l’incontro tra domanda e offerta di lavoro con un approccio di tipo integrato.

Tuttavia, se la concomitanza della crisi economica descrive una situazione critica per il mercato del lavoro in generale, essa si fa sentire con maggiore peso soprattutto per chi è in una situazione di disabilità. A livello nazionale le cifre contenute nella “Relazione sullo stato di attuazione delle norme per il collocamento obbligatorio e mirato delle persone disabili (Legge 68/99)”, curata dall’Isfol, confermano queste difficoltà, evidenziando una drastica diminuzione su tutto il territorio nazionale del numero di chi viene assunto, a fronte di un aumento del numero degli iscritti alle liste speciali in attesa di un’opportunità lavorativa.

Più confortante la situazione a livello riminese, dove i dati 2010 riferiti agli avviamenti nella provincia di Rimini testimoniano una migliore tenuta degli avviamenti.

Alcuni dati sugli inserimenti lavorativi dei disabili in Provincia di Rimini, riferiti al 2010:

  • Avviati 180

  • Iscritti 3.500

  • Convenzioni con soggetti in obbligo (Pubbliche Amministrazioni e Coop.sociali) 56

  • Posti disponibili 73 (ancora dato del 2009)

Dei 180 avviamenti al lavoro avvenuti nel 2010, 70 sono risultati assunzioni a tempo indeterminato, 96 a tempo determinato, le restanti per contratti di apprendistato e/o contratti di inserimento.

Le caratteristiche delle aziende del nostro territorio che sono interessate dall’applicazione della L.68/99 sono le seguenti:

  • Aziende di cat. C (da 15 a 35 dipendenti) N. 167

  • Aziende di cat. B. (da 35 a 50 dipendenti) N. 49

  • Aziende di cat. A (sopra i 50 dipendenti) N. 407

(le aziende sopra i 50 dipendenti potrebbero anche avere unità operative provinciali piccolissime, tali da non essere in obbligo di assunzione nella ns. provincia)

La Provincia di Rimini ha investito in maniera chiara e convinta nelle attività a supporto degli inserimenti lavorativi, dando piena attuazione alle norme dettate dalla legge regionale n. 17/05, in cui si prevede l’assunzione tramite convenzione di persone disabili con l’inserimento lavorativo in cooperative sociali, per le quali risulti particolarmente difficile il normale inserimento in azienda.

Le convenzioni già stipulate, che ad oggi sono circa 15, con 25 percorsi di inserimento lavorativo già attivati, hanno una durata pluriennale e vengono di volta in volta rinnovate dalle aziende. Purtroppo tra le aziende che hanno stipulato la convenzione, ve ne sono alcune che stanno facendo i conti con una diminuzione di ordinativi e di quantità di lavoro, rendendo sempre più difficile le possibilità concrete di collaborazione.

Vi è comunque un altro dato importante da tenere in considerazione: la differenza tra numero di soggetti disabili iscritti nelle liste del collocamento mirato, che nel 2010 hanno raggiunto quota 3.500 (pur se non tutti tali iscritti sono immediatamente disponibili al lavoro, ma devono risultare iscritti per altre necessità) e i posti disponibili, che sono circa 70; un dato, questo, in linea con quelli nazionali.

Proprio ai problemi e alle opportunità legate agli “inserimenti lavorativi” la Provincia di Rimini - Assessorato alle Politiche del Lavoro dedicherà il convegno: “PER UNA RESPONSABILITA’ A 5 STELLE” che si terrà il giorno 8 febbraio 2011, dalle ore 15 alle ore 18 presso la sede provinciale di via Dario campana, Rimini, Sala Marvelli.

Il progetto, nato con l’obiettivo di indagare la possibilità di incrociare le esigenze produttive dell’area del turismo con le abilità possedute da cittadini appartenenti all’area della disabilità.

Per l’Assessore alle Politiche del Lavoro della Provincia di Rimini, Meris Soldati, “la crisi economica ha certamente influito anche sul territorio riminese sulle possibilità di impiego di persone affette da disabilità grave. La Provincia di Rimini, grazie al particolare impegno nei servizi a supporto dell’occupazione di questa tipologia di lavoratori, ha ottenuto risultati decisamente più confortanti della media nazionale.

Anche l’incontro dell’8 febbraio sarà un momento importante per ricercare nuove modalità di approccio alle potenzialità produttive offerte dalla nostra provincia per garantire quello che riteniamo un diritto imprescindibile di cittadinanza, quello al lavoro”
.

   
 

archivio