L'ATTIVITA'

LA DOCUMENTAZIONE

LA COMPOSIZIONE

il Comitato unico di garanzia





torna alla pagina iniziale

 

APPARTENENZE
i popoli, le tradizioni, i modi di essere visti e vissuti attraverso la musica e la danza



Nell’anno internazionale del dialogo fra le culture, seguito a quello delle Pari opportunità, l’Assessorato alla Cultura e le Politiche di genere e Pari opportunità della Provincia di Rimini, promuovono lo spettacolo di teatro danza per la conoscenza e la condivisione delle tradizioni dei popoli.

La protagonista della serata, domenica 30 marzo alle ore 20.45 al teatro Ermete Novelli di Rimini, è appunto la danza e la sua storia, trasmessa dai ballerini che, girando per il mondo, continuano ad essere ambasciatori di culture, di paesi. Questo significa “Appartenenze”.

Il progetto, su idea di Leonina Grossi, Consigliera delegata alle Politiche di genere e Pari opportunità della Provincia di Rimini e di Anca Ardelean, ballerina, coreografa e direttrice dell’omonima scuola di danza a Rimini, vuole rappresentare le culture del mondo, attraverso la contaminazione delle discipline della danza, trasmessa da coreografi e ballerini di varie nazionalità che, coi loro viaggi in altri paesi portano con sé il proprio background, permettendo di far capire agli altri l’importanza della diversità di ogni paese del mondo ed il grande tesoro che l’umanità possiede e che rischia di perdere.

L’iniziativa, partendo dalle varie nazionalità dei coreografi e ballerini che insegnano nella scuola di danza Anca Ardelean - da Eric che arriva dalla Francia all’inglese Debbie Mount, da Oscar Benavidez e Gisella Boschi che vengono dall’Argentina ad Anca Ardelean e Carmen Stan, entrambe rumene - vuole esprimere attraverso una ricerca approfondita di musiche, strumenti, costumi, uno studio filologico delle tradizioni.

Il progetto di danza è il frutto di laboratori della durata di svariati mesi e della ricerca sulle origini della danza nei vari paesi, e snodandosi in un percorso di ricerca e formazione si concluderà con una rappresentazione collettiva di quanto ricercato e trasmesso al pubblico attraverso monologhi, musiche e danze. Un momento culturale rappresentativo del dialogo possibile fra le culture. Un momento che, attraverso la rappresentazione, diventa diffusione e coinvolgimento.

Lo spettacolo sarà a cura del gruppo di teatro danza di Anca Ardelean, in collaborazione con coreografi, ballerini e musicisti coinvolti nella ricerca provenienti da vari paesi del mondo.

“Il Teatro - danza è uno degli aspetti culturali che caratterizza maggiormente il nostro territorio e grazie a esso continuiamo a portare un pezzo della nostra storia fuori dai confini regionali e nazionali - dichiara Marcella Bondoni, Assessore alla Cultura e al Turismo della Provincia di Rimini. Questa iniziativa, che permette di conoscere attraverso la danza culture di altri paesi qui a Rimini, avvalora ancora una volta il sodalizio fra le discipline dell’arte, la storia e la tradizione di ogni popolo”.

“Ogni persona porta con sé, ovunque vada, l’anima del suo popolo, la cultura del suo paese - sottolinea Leonina Grossi, Consigliera delegata alle Politiche di genere e Pari opportunità della Provincia di Rimini - e trasmette tutto ciò, partendo da un ricordo ancestrale, l’appartenenza ad un popolo ed a una cultura: il suo ricordo, le sue tradizioni, il suo modo di essere e di pensare e amare. Andare a scovare tutto ciò in un periodo storico, come quello contemporaneo, nel quale si tende all’omologazione con il grande rischio di perdere i valori reali, il ricordo e la trasmissione di cultura che ci distingue e ci qualifica in qualunque parte del mondo, come segno distintivo, è la sfida che questo progetto vuole afferrare”.


Per informazioni e prevendita:
Anca Ardelean
340.2746739 /  0541.393096

Ingresso: adulti € 10 -  bambini € 5

vai al documento
scheda di presentazione dello spettacolo

 

clicca per aprire la locandina dello spettacolo in formato pdf

clicca sull'immagine per aprire
la locandina in formato pdf


 

una foto dello spettacolo