L'ATTIVITA'

LA DOCUMENTAZIONE

LA COMPOSIZIONE

il Comitato unico di garanzia





torna alla pagina iniziale

 

Firmato oggi in Provincia il 'Protocollo d’intesa per la costituzione
del coordinamento cittadino contro la violenza alle donne'


11 gennaio 2008

La firma è l’inizio di un percorso che impegnerà Provincia, Comuni, ASL, associazioni sociali, organizzazioni sindacali e di categoria a lavorare insieme attorno ad una serie di iniziative con lo scopo, da un lato, di sensibilizzare l’opinione pubblica e prevenire i fenomeni di violenza, dall’altro, di sostenere e tutelare le vittime.

Presenti all'incontro di oggi il presidente della Provincia, Ferdinando Fabbri, il presidente del Consiglio provinciale, Fabio Zavatta, la consigliera provinciale delegata alle politiche di genere e pari opportunità, Leonina Grossi, la dott.ssa Antonella Grazia, funzionaria della Regione Emilia-Romagna e rappresentanti degli enti sottoscrittori.

La violenza - hanno sottolineato sia il presidente Ferdinando Fabbri, che la consigliera provinciale delegata alle politiche di genere pari opportunità, Leonina Grossi, esponendo le finalità ed i contenuti del protocollo - non è soltanto fisica, ma anche psicologica e sociale, e non si arresta davanti alle mura domestiche. Anzi, è sempre più spesso in ambito famigliare che essa esplode con particolare brutalità.

“Gli abusi, le violenze e le sopraffazioni colpiscono i soggetti è più deboli e sono il sintomo di relazioni difficili, squilibrate - ha affermato il presidente Fabbri - Con l’accordo che abbiamo sottoscritto ci proponiamo di costituire una rete di servizi utili e di luoghi capaci di innescare azioni concrete, di contrasto e di aiuto alle persone colpite, contro il fenomeno della violenza alle donne”.

E’ in gioco il livello di civiltà della nostra comunità locale, ha aggiunto Fabbri. E l’adesione al protocollo, promosso da Regione e Provincia, è un segno di partecipazione civile, attenzione e maturità di un importante movimento collettivo.

“Occorre agire ad ampio raggio sul territorio per prevenire e contrastare il grave fenomeno - ha spiegato la consigliera Leonina Grossi - Per dar seguito al protocollo costituiremo alcuni gruppi di lavoro che opereranno in due direzioni: la formazione culturale come strategia di prevenzione, e le relazioni d’aiuto (ascolto, tutela, ecc.)”

vai al documento
IL TESTO DEL PROTOCOLLO D'INTESA