Homepage
Introduzione scientifica:
Inquadramento tecnico:
Per i cittadini:


Osservatorio Rifiuti
INFEA

Tabelle conversione
Leggi e normative
Documenti scaricabili
Glossario
Link

 

Provincia di Rimini - Ambiente gestione ambientale
Torna all'homepage
gestione ambientale
Contattateci
gestione ambientale
Come risparmiare Energia

elettromagnetismo
intro - consumi in Emilia Romagna - consigli per il risparmio energetico
L’etichetta energetica - investimenti per risparmiare energia
elettromagnetismo



Il risparmio energetico

In questa parte del  sito troverete alcuni utili consigli per ridurre i consumi di energia in casa, in ufficio, a scuola... e per il passaggio all’uso di fonti energetiche a minor impatto ambientale.  

 

Un bell'esempio di impianto fotovoltaico della scuola "Matteucci" di Forlì


Da un paio di decenni ormai la ricerca scientifica ha evidenziato le pressioni esercitate dall’uso intensivo dell’energia sull’ambiente. In particolare sono i combustibili fossili, dai quali viene prodotta all’incirca il 90% dell’energia mondiale, i responsabili degli impatti maggiori.

Gravi problemi sono riconducibili alle emissioni atmosferiche di ossidi di zolfo e azoto, di vari composti organici derivanti dagli idrocarburi, di polveri fini, di metalli pesanti, ecc. tutti responsabili di pesanti impatti sulla salute e sull’ambiente.

A questi problemi si aggiunge il grave impatto globale dei cambiamenti climatici indotti dall’aumento dell’effetto serra. L’effetto serra - già naturalmente presente sul Pianeta e responsabile del clima “vivibile” di cui godiamo (altrimenti la Terra avrebbe temperature ben più basse) – viene amplificato dall’aumento di concentrazione di alcuni gas, i gas serra, tra cui i più importanti sono l’anidride carbonica, CO2, ed il metano, CH4.

Questo problema è stato affrontato a livello globale, con una convenzione quadro  resa operativa dal protocollo di Kyoto, che è stato accettato e ratificato per legge a livello europeo ed italiano.

Per ridurre l’effetto serra, è cruciale il passaggio alle energie rinnovabili che non emettono anidride carbonica: solare, eolica, geotermica e delle maree (il ricorso alle biomasse invece, se pur evita alcuni problemi di inquinamento atmosferico e potrebbe aiutare a ridurre la dipendenza energetica dall’estero, produce comunque emissioni di CO2).

Per questo motivo gli orientamenti delle politiche nazionali ed internazionali sono rivolti verso la limitazione dell’uso dei combustibili fossili sia tramite il passaggio alle risorse rinnovabili sia tramite la promozione del risparmio energetico tramite l’applicazione di tecnologie e pratiche più efficienti o la semplice riduzione dei consumi.

L’industria, i trasporti e gli usi civili delle fonti energetiche sono i maggiori responsabili di questi problemi (nel 2002 rispettivamente con il 29%, 31%, 30% del totale dell’energia impiegata).